Pediatria come cura globale: la medicina integrata del bambino

immagine per web cromoterapia 2“I bambini sono il nostro futuro. Il nostro futuro comincia con il procurare ai bambini il miglior modo di prendersi cura della loro salute” L’OMS ha definito la salute come: Uno stato di completo benessere fisico, sociale e mentale, e non soltanto l’assenza di malattia o di infermità. “

Questa frase, inserita nella prefazione di un libro di omeopatia pediatrica, da un’indicazione del fatto che chiunque si prenda cura della salute dei bambini debba avere un visione globale del suo piccolo paziente, ed utilizzare in base alle problematiche il mezzo migliore a sua disposizione.

Pertanto a mio avviso la cosa più importante per tutti coloro che si prendono cura della salute di qualsiasi essere umano, ed in particolare di quella dei bambini, è proprio il fatto di considerare la persona nella sua globalità. La vera cura è quella che si avvale della capacità, implicita in ognuno di noi, di essere sani e consideri non solo il sintomo o la causa più evidente di esso, ma il malato nella sua interezza, utilizzando approcci terapeutici che sostengano la forza vitale di ogni essere umano prestando attenzione all’alimentazione, allo stile di vita del paziente, alle sue abitudini, al contesto in cui vive.

Una breve definizione di quelle che sono le modalità di presa in cura della salute:

  • Il National Center for Complementary and Alternative Medicine definisce Medicina Complementare e Alternativa (MCA) l’insieme di sistemi, pratiche e rimedi che in genere non vengono considerati come parte della medicina convenzionale.
  • Medicina Complementare: Si riferisce all’uso congiunto della MCA e della medicina convenzionale, ad esempio l’agopuntura usata in forma addizionale nella terapia del dolore.
  • Medicina Alternativa: Si riferisce all’uso della MCA in sostituzione della medicina convenzionale.
  • Medicina Integrata: Si riferisce alla pratica che combina i trattamenti di medicina convenzionale con la MCA e sopra la quale esistono dati scientifici di comprovata innocuità e ed efficacia.

Per me quest’ultimo è l’approccio corretto, non una opposizione tra medicina farmacologica e medicine non farmacologiche, ma l’unione di ogni possibile disciplina che porti al benessere del nostro piccolo paziente. E’ una componente fondamentale l’attenzione alla prevenzione in ogni aspetto della vita quotidinana, quali l’alimentazione, fin da piccolissimi, l’affettività, la possibilità di sviluppo delle capacità di ognuno (in questo possono aiutarci in alcuni casi ergoterapia e fisioterapia) e il contesto familiare e sociale in cui vive il nostro piccolo paziente.

E’ con questo spirito che sono felice di annunciare che nasce al Centro Pediatrico una collaborazione con Giuliana Poretti, cromopuntrice, ad allargare il ventaglio di trattamenti complementari offerti per il benessere dei nsotri piccoli pazienti.

Cristina Massai

Tab content
Tab content