Ufficio del Medico cantonale

Un allievo con un’allergia accertata al veleno delle api? Un allievo che soffre di epilessia? Un allievo con mal di testa in classe? Dei genitori che vi chiedono di somministrare un farmaco per abbassare la febbre?
Queste sono solo alcune delle situazioni che capitano con una certa regolarità nelle scuole e per le quali viene sovente chiesto l’intervento del docente.

Le richieste di intervento sono più numerose quanto più è giovane l’allievo, fatto facilmente spiegabile con un suo generale maggior bisogno di accudimento da parte di un adulto. Con il passare degli anni l’allievo diverrà vieppiù indipendente e in grado di farsi carico in autonomia di quasi tutti gli aspetti legati alla propria salute. Sarà un cammino che egli potrà compiere potendo contare su degli adulti che lo sostengano con positività, che lo accompagnino dandogli fiducia, sostituendosi a lui solo quando davvero necessario.

Nella scuola di ogni ordine e grado di norma non è prevista l’esecuzione di prestazioni di tipo sanitario (es. somministrazione di farmaci, modifiche di dieta). Vi sono però alcune eccezioni in cui è assolutamente necessario adottare provvedimenti sanitari a scuola. Vi sono, infatti, allievi che a causa di una malattia cronica (es. allergia, asma, diabete, epilessia) hanno bisogno di ricevere cure anche durante l’orario scolastico. Un allievo con una malattia cronica deve essere accolto in modo che la sua situazione di salute non comprometta una scolarizzazione serena e con le stesse opportunità di tutti.

Fonte: Ufficio del Medico cantonale

Informazioni per le famiglie